Sui monti della GEORGIA 18-26 luglio

Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia
Georgia

Questo viaggio conduce nella splendida Georgia, la terra del Vello d’Oro, legata sin dall’Antichità all’Europa, ma anche una delle cristianità più antiche, ricca di storia, arte e cultura. Dalla regione della Svanetia sino alla multietnica capitale, Tbilisi, visitando le impressionanti vette del Grande Caucaso, le chiese arroccate sui monti, le fortezze, i monasteri, le città rupestri e villaggi turriti, tra memorie sovietiche e aspirazioni occidentali. Un paese multiforme e sorprendente.

Alle icone della Georgia è dedicato il Libro Calendario 2017 di Russia Cristiana, La croce e la vite. Icone e affreschi dell’antica Georgia.


Programma sintetico/orientativo

Potrebbe subire variazioni nel percorso.
Per richiedere il programma dettagliato con i prezzi: RICHIESTA PROGRAMMI

1° g. Milano / Tbilisi
Ritrovo in aeroporto a Malpensa e partenza per Tbilisi. Arrivo, incontro con guida locale, visita della Cattedrale della Santissima Trinità, nota come Sameba, la principale cattedrale Ortodossa di Tbilisi, la terza più alta al mondo. Trasferimento in albergo con pullman riservato. 

2° g. Tbilisi
Inizio giro della città vecchia: Chiesa di Metekhi, Fortezza di Narikala, Terme Sulfuree, Cattedrale di Sioni, Basilica di Anchiskhati Visec, Piazzetta con l’Orologio. Visita al Tesoro del Museo Nazionale della Georgia. Incontro con realtà cattolica locale.

3° g. Tbilisi / escursione nella regione di Kakheti
Partenza per la regione di Kakheti – la culla del vino. Visita del Palazzo di Tsinandali con i suoi splendidi giardini; complesso architettonico della vicina Gremi (Fortezza e Chiesa degli Arcangeli). Proseguimento per Nepareuli, con visita a una cantina. Ingresso alla Cattedrale di Alaverdi, uno dei brillanti esempi di architettura medievale georgiana. Tempo disponibile permettendo, visita al Monastero della Vecchia Shuamta. Rientro a Tbilisi. 

4° g. Tbilisi / Mtskheta / Ubisa / Kutaisi 
Partenza per Mtskheta, l’antica capitale e cuore spirituale della Georgia. Visita alla Chiesa di Jvari, al Monastero di Samtavro e alla Cattedrale di Svetitskhoveli, monumenti del Patrimonio UNESCO. Partenza per Ubisa per visita alla Basilica. Proseguimento per Kutaisi.

5° g. Kutaisi / Akhaltsikhe
Visita a due monumenti Patrimonio UNESCO a Kutaisi: la Cattedrale di Bagrati e il Monastero di Gelati (XII secolo), sito Unesco – uno dei capolavori dell’architettura georgiana, caratterizzato da splendidi affreschi. Incontro con la comunità cattolica a Kutaisi. Prosecuzione per Akhaltsikhe.

6° g. Akhaltsikhe / Vardzia / Akhaltsikhe
Partenza per la visita di Vardzia, una delle meraviglie della Georgia: la città rupestre, scavata nella roccia vulcanica. Venne fatta costruire nel XII secolo dalla famosa Regina Tamara e rappresenta il simbolo del paese. Rientro ad Akhaltsikhe e visita del centro storico della città: Fortezza di Rabat, Museo Storico Etnografico e Monastero di Sapara. Incontro con la comunità delle Monache Benedettine. 

7° g. Akhaltsikhe / Gori / Kazbegi 
Partenza per Gori, città natale di Stalin, ove si visiterà un piccolo museo a lui dedicato. Incontro con la comunità cattolica locale. Si visita quindi Uplistsikhe (I millennio a.C.), antica e suggestiva città scavata nella roccia. Si prosegue  per la famosa Strada Militare Georgiana, che conduce in Russia, attraverso gli splendidi paesaggi montani del Caucaso. Arrivo a Kazbegi, cittadina ai piedi del monte Kabeg (5.047 m)

8° g. Kazbegi / Gergeti / Ananuri / Tbilisi
Partenza per la Chiesa della Trinità di Gergeti (con fuoristrada 4×4) posta in un punto molto panoramico, da cui si gode il paesaggio delle montagne circostanti coperte da ghiacciai perenni. Trasferimento ad Ananuri (93 km), ingresso nella Fortezza. Incontro nella chiesa cattolica. Prosecuzione per Tbilisi.

9° g. Tbilisi / Milano
Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia.

Durante il viaggio-pellegrinaggio si effettueranno incontri con realtà cristiane locali.


 

 

 

I commenti sono chiusi.