FRIULI VENEZIA-GIULIA 25-30 settembre

UDINE
Piazza della libertà
CIVIDALE DEL FRIULI
Particolare
CIVIDALE DEL FRIULI
Tempietto longobardo
CIVIDALE DEL FRIULI
Tempietto particolare
CIVIDALE DEL FRIULI
Ara di Rachtis
CASTELMONTE SANTUARIO
Panoramica
TRIESTE
Cattedrale S. Giusto
TRIESTE
P.zza Unità d'Italia
MIRAMARE
Panorama
BOSAVIZZA
Il suo monumento alla Foiba
TRIESTE
Statua James Joyce
TRIESTE
Targa James Joyce
MUGGIA
Panoramica
MUGGIA
DUOMO - esterno
GEMONA
Panoramica
VENZONE
Panoramica
AQUILEIA
DUOMO - esterno
AQUILEIA
DUOMO-Mosaici particolare 1
AQUILEIA
DUOMO-Mosaici particolare 2
AQUILEIA
DUOMO-Mosaici particolare 3
AQUILEIA
DUOMO-Cripta
GRADO
Panorama
GRADO
Centro storico

Da sempre terra contesa e ricca di storia, talvolta sconosciuta, il Friuli Venezia-Giulia ha molto da offrire al visitatore curioso e disposto a lasciarsi affascinare dai suoi molteplici aspetti. Grazie a questo itinerario ci avvicineremo a una delle terre più schive e discrete d’Italia che conserva intatti bellissimi tesori nascosti e molte tradizioni popolari, linguistiche e culinarie. Sarà coinvolgente pian piano scoprire l’ambiente mitteleuropeo, slavo, istriano di città, borghi, castelli e coste di queste zone.


Programma orientativo

Questo programma è orientativo e potrà subire variazioni nel percorso.
Per richiedere il programma dettagliato con i prezzi: RICHIESTA PROGRAMMI

1° g.  Milano-Bergamo-Udine/Trieste
Al mattino presto, ritrovo a Milano e a Bergamo. Partenza per Udine. Arrivo e passeggiata al complesso del Castello. Visite del centro storico per ammirare la Cattedrale di Santa Maria Annunziata, e le celebri piazze: della Libertà e Matteotti, cuore della vita udinese. Proseguimento per Trieste, capoluogo del Friuli-Venezia Giulia, città crocevia di popoli e culture. Arrivo, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

 

2° g.  Trieste-Gemona-Venzone-Illegio/Trieste.  Alla scoperta dei luoghi del terremoto del 1976.
Partenza per la Carnia, regione friulana celebre per la sua natura selvaggia. Visita ai luoghi simbolo del Terremoto del 1976: il borgo di Gemona, col Duomo di Santa Maria Assunta, e i resti della Chiesa della Beata Vergine delle Grazie la cui navata scampò al terremoto. Salita dei Longobardi fino al Colle del Castello. Spostamento a Venzone, cittadina medioevale distrutta dal sisma del 1976 e interessante esempio di fedele ricostruzione per anastilosi. Visita al Duomo dedicato a Sant’Andrea Apostolo, alla cappella di San Michele e delle celebri mummie di Venzone. Ultime visite in paese: esposizione permanente “Tiere Motus” dedicata al sisma. Partenza per Illegio, visita della Mostra Internazionale 2020 “Nulla è perduto”, interessante esperienza culturale di valorizzazione del territorio tramite l’arte e la bellezza (http://illegio.it/it/il-comitato). Al termine, rientro a Trieste.

 

3° g.  Trieste-Cividale del Friuli-Castelmonte/Trieste. Sulle tracce dei Longobardi.
Partenza per Cividale del Friuli, antico borgo longobardo dal 2011 patrimonio UNESCO. Visita al Monastero di Santa Maria in Valle e allo splendido Tempietto longobardo (sec. VIII). Ingresso al Museo cristiano, con il famoso altare del duca Rachtis. Pranzo in ristorante con cucina tipica. Passeggiata per il centro storico e visite al suggestivo ponte del Diavolo, alla Piazza del Duomo, alla Piazza Paolo Diacono. Salita in pullman al Santuario di Castelmonte, uno dei più antichi del Friuli, posizionato a circa 600 m di altitudine. S. Messa festiva. Sulla via del rientro, visita all’imponente sacrario militare di Redipuglia, dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale. Cena e pernottamento.

 

4° g.  Trieste-Miramare/Trieste. I mille volti di Trieste: alla scoperta della Trieste cristiana e asburgica.

Inizio della scoperta dei luoghi degli Asburgo: il borgo teresiano, la celebre Piazza Unità d’Italia (la più grande piazza europea affacciata sul mare) e passeggiata lungo il molo Audace. Salita alla cattedrale e al castello di San Giusto Martire, patrono della città. Pranzo in ristorante. Partenza per Miramare, e visita del suggestivo castello asburgico ottocentesco, situato in una bellissima posizione panoramica sulla costa adriatica, con il maestoso parco. Rientro a Trieste. Eventuale incontro con realtà locale.

 

5° g.  Trieste-San Sabba-Basovizza-Muggia/Trieste I mille volti di Trieste: alla scoperta della Trieste ebraica e istriana
Partenza alla scoperta del capitolo ebraico di Trieste: visita della Sinagoga, una delle più grandi in Europa, e della Risiera di San Sabba, unico lager nazista sul suolo italiano. Trasferimento in località Basovizza, luogo che commemora le vittime delle foibe, capitolo tragico della storia locale. Pranzo nella tipica locanda “osnizza”. Nel pomeriggio spostamento a Muggia, per scoprire un altro volto della zona triestina. Muggia è infatti una tipica cittadina istriana, dall’influenza veneziana. Visita del Castello, del Duomo dedicato ai Santi Giovanni e Paolo, passeggiata nel ridente centro storico. Salita in pullman alla Basilica di Santa Maria Assunta. Rientro a Trieste, cena e pernottamento in albergo.

 

6° g.  Trieste-Aquileia-Grado/Bergamo-Milano. I primi passi della Cristianità italiana
Partenza per Aquileia, antica città romana e culla del Cristianesimo in Italia, che conserva importanti testimonianze archeologiche di epoca romana, dal 1998 patrimonio UNESCO. Visita al complesso della Basilica di Santa Maria Assunta, ai suoi preziosi mosaici, alle Cripte degli Scavi e degli Affreschi, al battistero, al foro romano, all’antico porto fluviale. Ingresso al Museo Archeologico Nazionale. Nel pomeriggio spostamento a Grado, cittadina dal gusto veneziano, ricca di calli e campielli, nata come scalo lagunare di Aquileia. Passeggiata nel centro storico e visita alle Basiliche di Sant’Eufemia, sede dell’antico patriarcato di Aquileia, e di Santa Maria delle Grazie. Rientro a Bergamo-Milano in serata.

 

I commenti sono chiusi.