SPAGNA ESTREMADURA 27 agosto-2 settembre

Madrid - Stazione di Atocha
Madrid - Palazzo Reale
Madrid - Palazzo Reale - panoramica
Trujillo - Plaza Mayor
Merida - Teatro romano
Merida - Teatro romano
Merida - Resti romani
Merida - Museo arte Romana
Merida - Museo arte Romana
Cáceres
Cáceres
Cáceres
Cáceres - Plaza Mayor
Cáceres - Monastero di Santa Maria di Guadalupe
Badajoz
Toledo
Toledo - Cattedrale
Toledo - Fortezza

La Spagna Antica: terra dei Conquistadores

La ricca storia dell’Estremadura (cuore “hidalgo” della Spagna) si riflette nell’ampia serie dei suoi maestosi monumenti che affascinano ed entusiasmano il visitatore.
Ammirare le antiche città che hanno dato i natali agli Imperatori romani, che hanno subito la dominazione  araba e che hanno visto i Conquistadores del Nuovo Mondo, è partecipare dal vivo alla conoscenza della cultura e del grande spirito cavalleresco spagnolo.
Questo è un viaggio ricchissimo di arte, architettura, cultura e… “gioia di vivere”.

PROGRAMMA PRELIMINARE

Per richiedere il programma dettagliato con i prezzi:  RICHIESTA PROGRAMMI

1° giorno Italia / Madrid
Partenza con volo per Madrid. Arrivo e visita panoramica della città: quartiere moresco, Puerta del Sol, strada Mayor, Cibeles, ed infine stazione de Atocha, progettata dall’architetto Eiffel.

2° giorno  Madrid / Cáceres
Visita del Palazzo Reale, ancor oggi residenza dei reali di Spagna. Partenza per l’Estremadura: arrivo a Cáceres (311 km), centro di architettura civile e religiosa più importante per lo stile rinascimentale spagnolo.

3° giorno  Cáceres -Trujillo – Merida / Cáceres
Partenza per Trujillo (45 km). Visita della città medioevale: Plaza Mayor, con la statua equestre di Francisco Pizarro, Palazzo del Los Marques de la Conquista, Chiesa di San Martin, Castello di origine araba, con la cappella di Nostra Signora della Vittoria. Prosecuzione per Merida (90 km), fondata da Augusto nel 25 a.C. e successivamente capitale della Lusitania; devastata da Alani, Svevi e Visigoti, divenne araba nel 715 e poi capitale di un emirato. Visita della città: Ponte Romano, considerato il più lungo dell’antichità, l’Acueducto de los Milagros, ed il bellissimo Museo di arte romana. Infine il teatro e la casa del mitreo, dimora patrizia del 1° secolo d.C. Rientro in serata a Cáceres.

4° giorno  Cáceres  – Yuste – Plasencia / Cáceres
Visita di Cáceres, “Città Monumentale” grazie alla bellezza e integrità architettonica del centro storico. Visita alla parte medioevale: Torri arabe (cinta muraria), convento dei gesuiti, municipio e juderia vieja (quartiere ebraico). Ingresso alla Concattedrale di Santa Maria Maggiore. Visita del Monastero di Yuste dove si ritirò Carlo V dopo l’abdicazione. Trasferimento a Plasencia (95 km), la “Perla del Jerte”, e visita del centro storico: Cattedrale vecchia e nuova, Plaza Mayor e quartiere de la Juderia. Fondata dai romani, la località fu abitata dagli arabi fino all’XI secolo, quando Alfonso VIII la riconquistò e ripopolò. Rientro a Cáceres.

5° giorno  Cáceres – Badajoz – Zafra / Cáceres
Partenza per Badajoz (93 km): fondata nell’anno 875 dagli Arabi, la città dipendeva dal Califfo di Cordova. Vari edifici sono un miscuglio di stile arabo e spagnolo e le danno un aspetto caratteristico. Visita della Cattedrale di San Giovanni, Giradilla, Porta delle palme e fortezza (Alcazaba). Partenza per Zafra (75 km), detta “la piccola Siviglia”, e visita: Collegiata della Candelora, piazza grande e piazza piccola, Juderia (quartiere ebraico) con la Sinagoga vecchia, palazzo del duca de Feria. Rientro a Cáceres.

6° giorno  Cáceres – Monastero de Guadalupe /Toledo
Partenza per la visita del monastero reale di Santa Maria di Guadalupe (135 km). Composto da quattro parti monumentali, per quattro secoli fu il più importante complesso monastico spagnolo. Proseguimento per Toledo (205 km).

7° giorno Toledo/Milano
Visita di Toledo, già capitale di Spagna e sede del Primate: la Cattedrale, capolavoro di architettura gotica del XIII secolo, dove tra le altre opere d’arte si conserva “il Transparente” (un altare considerato una delle opere più spettacolari del tardo barocco spagnolo), poi la Sinagoga di Santa Maria la Blanca, la Sinagoga del Transito, la chiesa di Santo Tomè, dove si custodisce il capolavoro de El Greco “Entierro del Conde de Orgaz”, il mercato, i bagni arabi e gli scavi romani. Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia.

Questo programma è orientativo e può essere variato nel percorso.

I commenti sono chiusi.