LA NUOVA EUROPA - RIVISTA INTERNAZIONALE DI CULTURA
Direttore responsabile: Marta Carletti Dell'Asta
Redazione: via Tasca 36, 24068 Seriate (BG) - Tel.: +39-035-294021 •
Mail

Reg. Trib. Milano (8.11.1991) al n. 735 • R.O.C. n.3332 • Assoc. all'Unione Stampa Periodica Italiana

L'articolo del mese
Dall'Archivio
Archivio annate dal 1960 (pdf)
Numero attuale


"La Nuova Europa" - 6/2008


:: EDITORIALE
Al di là di guerra e crisi finanziaria

:: SPECIALE SOLZENICYN
Aleksandr Solzenicyn, mio compagno di lager
di Viktor Levenstejn (A cura di Giovanna Parravicini)
L'11 dicembre Solzenicyn avrebbe compiuto 90 anni.
Lo ricordiamo attraverso l'eccezionale testimonianza di V. Levenstejn, un ex detenuto che lo aveva conosciuto nel lager di Ekibastuz, uno dei milioni di uomini per i quali Una giornata di Ivan Denisovic ha segnato una svolta nella vita.
 


:: ITINERARI

Armenia
A cura di Giovanna Parravicini
Una terra biblica, primigenia, un'antichissima civiltà dove emergono con incomparabile bellezza molte radici dimenticate dell'Europa insieme a tratti irripetibili ed enigmatici agli occhi del visitatore occidentale.

:: OPINIONI A CONFRONTO
L'Ossezia e le scelte dei politici
di Giovanna Parravicini
Riguardo alla guerra nel Caucaso, si è creata una forte polarizzazione: chi demonizza gli americani che per i propri interessi strategici avrebbero soffiato sul fuoco, e chi demonizza la Russia, preda di un rigurgito imperialista. In entrambe le accuse c'è del vero, ma le due posizioni non si escludono reciprocamente. In più, ha avuto il suo ruolo anche la scheggia impazzita del nazionalismo georgiano. In questo groviglio geopolitico è impossibile dividere torto e ragione, conta di pù capire in che prospettiva si faranno le scelte future.

Saakashvili ha perso. Ma chi ha vinto?
di Aleksandr Archangel'skij
Oltre la drammatica cronaca degli eventi di agosto nel Caucaso, uno dei più noti pubblicisti russi ha tentato a caldo, mentre si svolgevano gli eventi, di fissare alcune questioni più globali che vi sono implicate. Questioni che affondano nel passato e aprono inquietanti interrogativi sul futuro.

Questa guerra? Una sconfitta della fede
di Sergej Rjachovskij (Intervista di Nadja Kevorkova)
Di ritorno dall'Ossezia meridionale, dove si è recato a visitare le proprie comunità pochi giorni dopo il conflitto, Sergej Rjachovskij, vescovo a capo della comunità pentecostale in Russia e membro della Camera del Pubblico, pone l'accento sulle ripercussioni spirituali della tragedia, constatando le ferite inferte alla coscienza cristiana ma anche le nuove responsabilità che ne scaturiscono.

Il Kosovo, genesi di un "precedente"?
di Teodor Nasi
Commentando i fatti di Ossezia, il politologo kirgizo Sujunbaev ha detto che sono stati una "conseguenza del processo del Kosovo". Il paese centroeuropeo ha costituito un precedente negativo in tanti sensi: per l'ideologizzazione delle tensioni etniche, per l'impaccio occidentale nell'intervenire, per la solitudine della Russia divisa in se stessa. Una carrellata storica ci aiuta a fare chiarezza in una storia troppo mistificata.

:: RICOSTRUIRE IL MOSAICO
Il Vescovo di Roma è un segno d'unità
di Ignatios Sotiriadis
Il 12 ottobre 2008, il rappresentante della Chiesa ortodossa di Grecia ha preso la parola al Sinodo dei vescovi della Chiesa cattolica, ed ha presentato la missione del vescovo di Roma come segno d'unità tra i cristiani. L'intervento dell'archimandrita Ignatios D. Sotiriadis, consigliere della rappresentanza della Chiesa di Grecia presso l'Unione Europea, e delegato fraterno della Chiesa ortodossa di Grecia, è stato il più applaudito nella prima settimana di lavori sinodali.

:: PASSATO PROSSIMO
Gli Speziallager sovietici in Germania: una storia poco conosciuta
di Delfina Boero
Per ovvi motivi ideologici, del fenomeno dei lager sovietici nella Germania orientale non si è parlato molto. Già negli anni '50 ex detenuti e studiosi avevano affrontato l'argomento, che però è tornato alla ribalta dopo la svolta dell''89, con la possibilità di consultare gli archivi sovietici. Dai primi anni '90 alcuni studiosi tedeschi e russi hanno dato vita a un comune progetto di studio dei documenti disponibili: un esempio di come si possa superare la "guerra delle memorie".

Quel "mascalzone" di Schindler
di Angelo Bonaguro
Un membro del partito nazista che salva centinaia di ebrei, rimettendoci del proprio e senza perseguire interessi politici. Una figura inconcepibile per la storiografia marxista, che ha preferito dimenticarlo per dare spazio ad eroi su misura. Nel centenario della nascita, il museo di Svitavy ha dedicato a Schindler una mostra permanente

:: ARCHIVIO STORICO
Il culto delle reliquie e la rivoluzione russa
di Il'ja Semenenko-Basin
Uno specialista di storia della Chiesa russa analizza la dinamica e le ragioni della "campagna contro le reliquie" iniziata all'indomani della rivoluzione d'ottobre e diretta non solo contro la tradizione cristiana, ma anche contro altre esperienze religiose. Traccia poi un interessante parallelo fra il culto cristiano delle reliquie dei santi e quello sovietico della mummia di Lenin.

:: RUSSIA CRISTIANA NOTIZIE
Frugando negli archivi di RC
di Rostislav Kolupaev
Iniziamo da questo numero a presentare qualche informazione spicciola, briciole sparse del fondo documentario e librario della nostra biblioteca, per tentare una prima sistematizzazione di fatti e notizie finora poco conosciuti

:: SEGNALAZIONI
- Alessandro Vitale: La regione ebraica in Russia. Birobidzhan: la "Prima Israele", G. Casagrande Editore, 2005, euro 22
- Autori Vari (a cura di Luciano Vaccaro): Storia religiosa dell'Ucraina, Centro Ambrosiano-ITL, 2007, euro 20
- Sergio Tazzer: Praga tragica. Milada Horakova. 27 giugno 1950, Libreria Editrice Goriziana, euro 15