LA NUOVA EUROPA - RIVISTA INTERNAZIONALE DI CULTURA

Direttore responsabile: Marta Carletti Dell'Asta

Redazione: via Tasca 36, 24068 Seriate (BG) - Tel.: +39-035-294021 • Mail

Reg. Trib. Milano (8.11.1991) al n. 735 • R.O.C. n.3332 • Assoc. all'Unione Stampa Periodica Italiana

LA NUOVA EUROPA  1/2012

:: EDITORIALE

Il cuore dell’uomo, eterna risorsa


:: RICOSTRUIRE IL MOSAICO

Dopo vent’anni si ricomincia dal cuore
di Giovanna Parravicini
Nei mesi scorsi le celebrazioni dei vent’anni di libertà religiosa hanno rinfocolato, sulla stampa russa, l’accesa discussione sulla situa-zione della Chiesa e l’identità dei credenti. Emergono posizioni molto diverse, sovente in aperto dissenso fra loro ma ac-comunate da scetticismo sulle possibilità di cambia-mento. Ma poi succede qualcosa che rimette in moto.


I fiumi sotterranei del dissenso
di Giovanna Parravicini
Sembravano cinici e depressi, i russi invece tornano in piazza.


E la Chiesa non resta a guardare
di Giovanna Parravicini
Gli avvenimenti seguiti alle elezioni parlamentari del dicembre scorso hanno costretto anche la Chiesa a prendere posizione sui temi della politica e dell’impegno dei cristiani nella vita sociale. Soprattutto tra i sacerdoti più giovani e i laici si fa strada il desiderio e la responsabilità di giudicare quanto sta avvenendo nel paese alla luce della fede e dell’espe-rienza cristiana.


Russia anni Duemila
di Boris Dubin
Il noto politologo russo, presentando il suo ultimo libro a una tavola rotonda promossa dalla Scuola superiore di economia e dalla Fondazione «Missione liberale» a Mosca, ha descritto con categorie sociologiche la crisi antropologica attuale: una crisi di identità personale, di fiducia nella realtà e di un significato superiore a cui dedicare la vita. I recenti fatti post-elezioni si iscrivono su questo sfondo, ma dimostrano che anche l’analisi più lucida non esaurisce mai la complessità del reale.


:: russia cristiana notizie

Greco-cattolici di Lombardia
di Rostislav Kolupaev
A partire dal 1990, le migrazioni di cittadini delle ex-repubbliche sovietiche hanno reso il rito bizantino una realtà sempre più consueta nel nostro paese. In questo contesto, i greco-cattolici ucraini hanno voluto celebrare i dieci anni di presenza in Lombardia.

 

:: IN MEMORIA

«Buon compleanno, Ferdinand Vanek!»

di Angelo Bonaguro
In un ciclo di atti unici scritto da Havel e amici, un dissidente mite e taciturno mette in imbarazzo i concittadini abbagliati dall’ideologia. Onoriamo la memoria del drammaturgo recente-mente scomparso presentando questo personaggio che, per certi versi, ne è l’alter ego.


:: PIETRE MILIARI

La benedetta sete dell’uomo

di Aleksandr Šmeman
Iniziamo la pubblicazione dei commenti radiofonici di padre Šmeman all’anno liturgico. Fatti per ascoltatori incolti, assetati e lontani.


:: IL MONDO DELL’ARTE

Immagine del dissenso

di Giovanna Parravicini
Le piazze di Mosca e in Russia, improvvisamente riempitesi di gente che, pur nella protesta, festeggiava innanzitutto la riscoperta del proprio volto umano, del desiderio di giustizia e di bene, ricordano qualcosa delle esigenze del «dissenso» storico. La riscoperta di questo movimento, dei tentativi di superare l’ideologia e soprattutto delle sue ricerche religiose è stato un fattore di novità del dibattito culturale sviluppatosi negli ultimi mesi in Russia.


Esiste il diritto di non sapere?

di Marta Dell’Asta
Una nuova linea editoriale che si fa luce in Russia, e che rispecchia una mentalità diffusa, è il «ricordo disimpe-gnato». Nel ricomporre le vicende familiari e personali del

 

passato l’autore elimina il contesto o una sua parte. E se il contesto sono il terrore staliniano, la guerra, l’orrore delle repressioni, ne deriva la ricerca di una memoria gratificante, che diventa una forma di evasione, una sospensione del giudizio. Ma i gusti dei lettori cercano anche altro.


«Sconvolto dalle sofferenze di Cristo». La pittura di Nikolaj Ge

di Tat’jana Karpova (Intervista di Dar’ja Rošcˇenja)
Grande mostra retrospettiva del pittore Ge a Mosca. Un tolstojano affascinato da Cristo. Suo il quadro emblema di un’epoca: Pilato che interroga Cristo.


:: ARCHIVIO STORICO

Chiesa e Impero in Russia: analisi di un problema

di Sante Graciotti
Frutto di un imponente lavoro di ricerca, questo testo è un’opera fondamentale per comprendere la storia dei rapporti Stato-Chiesa in Russia e offre preziosi elementi-chiave per decifrarne il presente. Per gentile concessione dell’Editore, pubblichiamo la prefazione al volume.


«Meno chiese, più case»

di Angelo Bonaguro
Che il totalitarismo di qualsiasi matrice veda i simboli religiosi come fumo negli occhi, non è un mistero. Si resta sconcertati però di fronte allo scempio di edifici di grande valore storico-artistico perpetrato in Germania Est, che spesso ha incontrato l’opposizione della società civile.


:: SEGNALAZIONI

 

LEGGI UN ARTICOLO IN ANTEPRIMA