POLONIA


 

 

 

La Polonia ha avuto una forma unitaria già nel X secolo: da allora ha giocato un ruolo attivo e importante in Europa, sia politicamente sia culturalmente, in quanto nazione cattolica in un’area geografica prevalentemente protestante o ortodossa. La personalità polacca più nota al mondo è Giovanni Paolo II, che ha guidato la Chiesa dal 1978 al 2005 (proclamato santo il 27 aprile 2014). Questo è un viaggio verso un paese ricco di storia, di arte e di cultura. 

PROGRAMMA SINTETICO

 1° giorno 
ITALIA-VARSAVIA Partenza volo per Varsavia. Arrivo e incontro con la guida locale. Inizio visite: città vecchia con il giro delle mura e Barbacane, cattedrale, Miglio Reale, parco Lazienki col monumento a Chopin. Visita al Museo di Storia degli ebrei polacchi, la cui facciata in vetro è divisa a metà da una maestosa entrata, che evoca il biblico passaggio del Mar Rosso. Santa Messa.

2°giorno 
VARSAVIA-NIEPOKALANOW-CZĘSTOCHOWA Partenza per Niepokalanow “città-Santuario dell’Immacolata”, iniziato San Massimiliano Kolbe come centro di apostolato mariano. Visita e Santa Messa. Prosecuzione per Częstochowa. Arrivo a Jasna Góra (Monte luminoso); salita al Santuario, il più importante luogo di culto mariano in Polonia, ove è custodita l’immagine della “Madonna nera” e tempo a disposizione per preghiera personale. Per i polacchi il “Santuario-fortezza” ha un valore non solo religioso, ma anche identitario poiché è stato il luogo della resistenza alla conquista degli invasori e da qui è ripartita la rinascita dello Stato. Partecipazione alla “chiusura” dell’icona di Maria.

3° giorno 
CZĘSTOCHOWA-WADOWICE-CRACOVIA Visita al Santuario di Częstochowa; la successiva visita al Museo del Santuario chiarisce l’appartenenza dei polacchi a Maria. Celebrazione della Santa Messa e passeggiata per il centro storico della città. Prosecuzione viaggio per visita di Wadowice, città natale di Giovanni Paolo. Quindi, partenza Cracovia.

4° giorno 
CRACOVIA Partendo dalla collina di Wavel dove si trovano il palazzo reale (ingresso) e la Cattedrale, si passa nella città bassa: Piazza del Mercato e Chiesa di Santa Maria. Trasferimento al Santuario della “Divina Misericordia” (*). Santa Messa.

(*) Giovanni Paolo II dedicò l’Enciclica Dives in Misericordia, la seconda del suo pontificato (1980), proprio alla devozione appresa da suor Maria Faustina Kowalska (santificata il 30 aprile 2000). In tale occasione Giovanni Paolo II stabilì per la prima volta la Festa della Divina Misericordia, da celebrarsi ogni anno la prima domenica dopo Pasqua.

5° giorno 
CRACOVIA-AUSCHWITZ-KALWARIA ZEBRZYDOWSKA-CRACOVIA Partenza per Oświęcim, più conosciuto col nome tedesco di Auschwitz e ingresso al campo di sterminio nazista, oggi museo. Visita alla mostra “Cliché di Memoria-Labirinti” nel convento delle suore di Padre Kolbe. Prosecuzione per il santuario della Passione di Kalwaria Zebrzydowska, Patrimonio Unesco, presso la collina di Żarek, con un paesaggio di grande bellezza e importanza culturale e spirituale. Rientro a Cracovia. In serata, cena in ristorante ebraico con musica ebraica. Santa Messa. Rientro a Cracovia.

6° giorno 
CRACOVIA-ITALIA  Celebrazione della Santa Messa. Partenza per Wieliczka, chiamata nel Medioevo Magnum Sal “Il Grande Sale”. Visita alle miniere di sale (Patrimonio Unesco): tra gallerie, laghi, sale e varie cappelle, si vedrà la più bella e famosa chiesa, dedicata a Santa Kinga (Cunegonda) a 101 metri di profondità, che può ospitare fino a 500 persone. Dopo la visita del quartiere ebraico, trasferimento in aeroporto, operazioni di imbarco e partenza con volo per Milano.

Durante il viaggio-pellegrinaggio si effettueranno incontri con realtà cristiane locali.
Questo programma è orientativo e può essere variato nel percorso.

I commenti sono chiusi.